Resoconto Consiglio Comunale 8-Novembre-2016

 

Breve ma intenso il Consiglio Comunale che si è svolto a inizio Novembre.

Due i punti all’ordine del giorno degni di interesse : la discussione della Mozione  fortemente voluta dal PD e sottoscritta da tutte le forze di opposizione sulle vicende della ex-SBIC, per chiedere l’intitolazione di una piazza ai morti dell’industria chimica seriatese e l’approvazione del Piano di Emergenza Comunale (PEC).

Mozione sulle vicende della ex-SBIC

 

http://www.pdseriate.it/2016/11/06/dedichiamo-una-piazza-ai-lavoratori-dellindustria-chimica-seriatese-morti/

La mozione ricostruiva le vicende storiche dell’azienda SBIC che dal 1925 al 1969 ha operato nei luoghi che saranno presto oggetto di riqualificazione (ambito di trasformazione AT8 – area ex-Mazzoleni in via Marconi) come previsto dal nostro Piano di Governo del Territorio (PGT) : in particolare si ricordavano il lavoratori morti a causa dell’utilizzo di sostanze chimiche quali le amminine aromatiche (es. benzidina) oggi universalmente riconosciute per avere effetti cancerogeni (tumore vescicale) e le problematiche relative alle indagini ambientali necessarie per determinare lo stato di inquinamento del suolo e sottosuolo.

La richiesta era duplice : ricordare i lavoratori morti e ottenere un impegno dell’amministrazione a farsi parte attiva nella stesura nel progetto per l’Indagine Preliminare Ambientale.

Se vogliamo iniziare a discutere di come riqualificare queste aree, di cosa realizzare in questi luoghi, per noi del Partito Democratico è fondamentale ripartire da quello che in questi luoghi è successo in passato : condividere e ripercorrere il la storia non per nostalgia, ma per dare significato a quello che realizzeremo, ripartire dal passato per immaginare il futuro di queste aree … ripensandole … quello che costruiremo domani in questi luoghi, non può prescindere da quello che c’è stato in passato !

Un approfondimento a parte meritava inoltre la contrapposizione tra diritto al lavoro e diritto alla salute : contrapposizione che purtroppo non appartiene solo alle vicende del passato (quali quelle della ex-SBIC di Seriate) ma è una discussione attuale, basti pensare a quanto succede all’ILVA di Taranto.

Purtroppo non è così che la pensa la nostra amministrazione.

Purtroppo, anche se la cancerogenicità delle ammine aromatiche è ormai universalmente riconosciuta (per esempio la direttiva Europea REACh, ne vieta l’utilizzo perché esistono prove sufficienti per stabilire un nesso causale tra l’esposizione dell’uomo a tale sostanza e lo sviluppo dei tumori), per i nostri consiglieri di maggioranza non è “certo” il legame tra queste sostanze e le morti di questi lavoratori.

Purtroppo, anche se tutti di dicono preoccupati di cosa potremo trovare nel suolo e nel sottosuolo dell’area ex-SBIC, l’amministrazione comunale preferisce lasciare l’iniziativa al privato : preferisce attendere che sia l’operatore che interverrà su quell’area a redigere e sottoporre un progetto di Indagine Ambientale Preliminare.

E’ triste vedere che da parte di questa amministrazione comunale, non c’è né l’onestà intellettuale né la volontà politica di avere una lettura condivisa della nostra storia, di queste vicende così dolorose che hanno segnato la storia della nostra città e delle nostre famiglie !

Purtroppo, per l’amministrazione di Seriate questi lavoratori morti NON ESISTONO e NON SONO DEGNI DI ESSERE RICORDATI !!! Solo così si spiega il loro voto di astensione che ha bocciato la mozione !

Piano Emergenza Comunale (PEC)

I fatti …

Il nostro comune ha un piano di emergenza comunale approvato dalla giunta nel 2006.

Poiché il territorio comunale, la popolazione le organizzazioni presenti sono in continua evoluzione, l’art. 6 di questo piano prevede l’aggiornamento di breve termine (ogni 6 mesi) dei recapiti dell’unità di crisi, della popolazione e dell’elenco delle ditte … etc. etc., ed un aggiornamento di medio termine (ogni 2 anni) per il territorio, che cambia indipendentemente dalla presenza di pericolosità e i rischi territoriali del Comune.

Esiste una legge del 2012 che richiedeva l’approvazione del Piano di Emergenza Comunale da parte del Consiglio Comunale entro fine 2012.

Ora, il nostro comune volendo partecipare ad un bando di finanziamento per interventi atti a ridurre i rischi legati ai terremoti, si è accorto di non aver mai approvato in Consiglio Comunale tale piano (abbiamo solo 4 anni di ritardo !!!) e quindi corre ai ripari approvando in fretta e furia il PEC del 2006 che avrebbe dovuto essere regolarmente aggiornato, ma che invece non lo è !!!

Gli annunci …

Che il comune stia preparando un nuovo PEC per i primi mesi del 2017 è sicuramente un fatto positivo … e che il nostro corpo di volontari della  Protezione Civile sia molto preparato e attivo è un bene, … ma non ha nulla a che vedere con il fatto che in Consiglio Comunale sia stato presentato e approvato un PEC del 2006 non aggiornato e pieno di imprecisioni ! … Non è solo una questione di forma !

Per questo il nostro voto è stato contrario

Gruppo Consiliare PD – Seriate

Come è andato il Consiglio Comunale (8 Novembre 2016)

Post navigation


One thought on “Come è andato il Consiglio Comunale (8 Novembre 2016)

  1. E’ curioso il riflesso automatico che la maggioranza del Consiglio mostra di fronte a tutte le proposte delle minoranze. La mozione sulla ex-SBIC sembra non riguardare persone di Seriate che sono morte perché hanno lavorato in un ambiente pericoloso, ma avversari politici di cui si vuole cancellare la memoria. Come sarebbe bello se raggiungessimo una memoria condivisa almeno sulle sofferenze di tanti lavoratori e delle loro famiglie perché il ricordare sia monito per il presente e impegno per il futuro affinché nessuno debba più morire a causa del proprio lavoro. Come sarebbe bello se una riflessione serena superasse l’accecamento ideologico e la barbarie culturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *